Relazione di monitoraggio PAES

A due anni dalla presentazione del PAES il Comune di Spinea, come previsto dagli impegni assunti con il "Patto dei Sindaci", ha redatto e presentato all'Ufficio Europeo (CoMO - Covenanto of Mayors Offices), lo scorso  17 luglio 2015,  il primo rapporto di attuazione del PAES (Action Reporting). Si tratta di un documento, redatto in collaborazione con i tecnici di Divisione Energia Srl nel quale viene fatto il punto sullo stato di attuazione delle azioni previste dal PAES con lo scopo di migliorare in progress la realizzazione del Piano .

Il documento  è stato approvato dall'Amministrazione comunale con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 28/04/2015 ed è possibile scaricarlo dal seguente link:

 

Il Comune durante la predisposizione del PAES aveva creato il primo inventario base delle emissioni (IBE) per l'anno 2005 e l'inventario di monitoraggio IME per l'anno 2010. Con il Rapporto di attuazione è stato redatto un nuovo IME aggiornato al  2013, calcolato da nuove fonti di dati più certe ed affidabili e di conseguenza sono stati aggiornati anche i precedenti inventari IBE 2005 e IME 2010.

Sulla base dei nuovi inventari, la riduzione percentuale delle emissioni di CO2 dal 2005 al 2013 è pari al 24,24% con una diminuzione delle emissioni pro-capite da  3,6 a  2,7 tonnellate di CO2 per abitante. Tale risultato positivo è dovuto all'ottima diminuzione delle emissioni del comparto pubblico (26%), a quella più limitata del comparto residenziale (8%) e soprattutto alla drastica riduzione (quasi il 50%) delle emissioni relative ai trasporti, che hanno un peso rilevante nell'abbattimento delle emissioni totali costituendo circa il 28% delle emissioni totali nel 2013. Ciò è dovuto alla notevole contrazione dei consumi di carburante verificatasi all'interno della Provincia di Venezia anche a causa della crisi economica intervenuta nell'ultimo periodo.

Per quanto riguarda le azioni pianificate nel 2012 con il PAES, 3 risultano già completate e 11 sono in fase di attuazione. Tali azioni si riferiscono in particolare all'efficientamento della pubblica illuminazione, alla promozione di forme di mobilità sostenibili, alla sensibilizzazione della cittadinanza agli interventi di efficientamento energetico delle proprie abitazioni e alla sensibilizzazione all'interno delle Scuole per comportamenti virtuosi in ambito di risparmio energetico.

Rinnovate esigenze amministrative e la ridistribuzione delle risorse di bilancio per altre priorità d'intervento hanno spinto l'Amministrazione comunale a rivedere le scadenze per alcune azioni programmate dal PAES. E' il caso del rinvio degli interventi di efficientamento energetico su alcune scuole, nonché dell'acquisto di energia verde e dell'incentivazione di gruppi d'acquisto per interventi in ambito residenziale;sono state invece temporaneamente accantonate, in attesa di una pianificazione intercomunale, il bike sharing e la mobilità elettrica. 

Per cercare di raggiungere gli obiettivi previsti l'Amministrazione, in un'ottica di continuo miglioramento, ha comunque intrapreso nel corso dell'ultimo biennio nuove azioni inizialmente non previste che sono state pertanto aggiunte nel Rapporto di attuazione. Tra queste vi sono alcuni interventi di efficientamento energetico in edifici scolastici, aggiuntivi rispetto a quelli programmati, come la sostituzione dei serramenti nella Scuola Nievo, la sostituzione della caldaia alla Scuola Ungaretti e l'installazione di un impianto fotovoltaico alla scuola Vivaldi. Significativo inoltre il coinvolgimento degli istituti bancari per la promozione di finanziamenti a tassi agevolati per i cittadini che intendono effettuare interventi di efficientamento energetico nelle proprie abitazioni. Ulteriori buone pratiche sono legate all'installazione di casette dell'acqua in viale Sanremo e via Matteotti, a interventi di forestazione come il Bosco dei Nuovi Nati in via Del Parco e ai numerosi convegni, incontri ed iniziative organizzati sulle tematiche ambientali. Sono state aggiunte inoltre nuove azioni di sensibilizzazione del settore terziario, inizialmente non coinvolto, così da avviare un percorso di dialogo e partecipazione con le imprese del territorio, soggetti fondamentali per l'ottenimento dei risultati finali cercati.

In conclusione si può osservare come nel biennio 2012-2014  sia già avvenuta una significativa riduzione delle emissioni di CO2 dovuta soprattutto alla riduzione dei consumi legati al settore dei trasporti. Non trattandosi di risultati definitivi, il percorso da qui al 2020 si presenta ostico e difficoltoso e dovrà pertanto essere affrontato con il medesimo impegno sinora dimostrato, arricchito da ulteriori spinte e attività. E' per questo che l'Amministrazione comunale si impegnerà dunque a mantenersi attiva nelle azioni già avviate e su quelle in programma e soprattutto nell'attivare nuove forme di sensibilizzazione ai cittadini per la promozione di comportamenti virtuosi e azioni di miglioramento delle performance energetiche degli edifici residenziali.