Isolamento involucro

RISPARMIARE IN BOLLETTA? MIGLIORANDO L’ISOLAMENTO DELL’INVOLUCRO PUOI

Image RISPARMIARE IN BOLLETTA? MIGLIORANDO L’ISOLAMENTO DELL’INVOLUCRO PUOI

Sono vari gli interventi che portano alla riduzione dei consumi di energia, quindi, ad un risparmio sulla bolletta e possiamo raggrupparli in due categorie: l’efficientamento dell’impianto e l'efficientamento dell’involucro di un edificio. In questo articolo illustreremo gli interventi che riguardano l’involucro, in particolare il cappotto. Intervenire sull’involucro di un edificio significa in sostanza inserire nuovi strati di materiale con una certa conducibilità ed un certo spessore, in modo da ridurre la dispersione del calore verso l’esterno in regime invernale e del fresco in regime estivo.
Esempi di questi interventi sono l’isolamento verso l’esterno o verso ambienti non riscaldati (garage, vani scala, sottotetti, cantine) e tetti.
Illustriamo ora un intervento sulla parete perimetrale di un edificio tipo analizzandone le caratteristiche ed i costi: dal 1 gennaio 2010 il limite di trasmittanza per legge (in zona climatica E) deve essere trasmittanza<=0,34 Watt/(mqKelvin) ed il limite massimo per accedere alle detrazioni al 65% (per efficientamento energetico) deve essere di trasmittanza<=0,27 Watt/(mqKelvin). I costi relativi a questo tipo di interventi sono intorno ai 120 euro/mq.


Esempi di cappotto (trasmittanza=0,27 Watt/mqKelvin) in base alla trasmittanza delle pareti. Prima immagine struttura pareti fino agli anni ’60-’70, seconda immagine struttura pareti anni ’70-’80, terza immagine struttura pareti anni ’80-’90.

Confrontiamo nello specifico due interventi: effettuando un intervento di semplice manutenzione dell’intonaco il costo approssimativo è di 80 euro/mq, con la detrazione per ristrutturazione edilizia al 50% il costo totale sarà di 40 euro/mq; se effettuiamo un intervento di manutenzione dell’intonaco con realizzazione di cappotto isolante il costo approssimativo è di 120 euro/mq, ma con la detrazione fiscale per l’efficientamento energetico al 65% il costo sarà di 42 euro/mq. Da questa comparazione emerge che la differenza di costo a seguito delle due diverse agevolazioni è pressoché minima, però il risparmio in bolletta che comporta il cappotto garantisce un notevole risparmio nel tempo. Ad esempio partendo da una spesa energetica per il solo riscaldamento di 2200 euro/anno, di cui 715 euro/anno dovuti alla dispersione delle pareti perimetrali corrispondente al 32%, con l’isolamento a cappotto la dispersione scende al 19%, facendo diminuire la spesa energetica annuale di 135 euro.