Combustione illecita rifiuti

Nuovo art. 256-bis D.Lgs 152/2006

Con la L. n. 6/2014, di conversione del D.L. n. 136/2013 è stato introdotto, all’interno del D. Lgs. n. 152/2006, l’art. 256 bis, che punisce il reato delittuoso di “Combustione illecita dei rifiuti”.
Con questo nuovo reato si vuole andare a sanzionare in modo più duro (delitto) chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata in aree non autorizzate rispetto al regime sanzionatorio più blando (contravvenzione) che tuttavia già esisteva da anni, ed era la sanzione relativa all’attività di smaltimento illecito dei rifiuti ex art. 256 D.Lgs. n. 152/06.

Di seguito si riporta il testo del nuovo art. 256-bis del D.Lgs 152/2006 e la nota della Regione Veneto prot. 83370 del 26/02/2014 relativa a chiarimenti sull'introdotto delitto di "combustione illecita di rifiuti".