TASI 2018

TASI - TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI

ANNO 2018

(pagina in fase di aggiornamento)

 

LEGGE DI STABILITA' 2018 - NOVITA' SUI TRIBUTI COMUNALI -

La legge 21.12.2017 n. 205 - LEGGE DI STABILITA' 2018 - "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020" pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2017, ha confermato le  importanti novità in tema di tributi locali della L. 208 del 29/12/2015, di maggiore interesse per i contribuenti.

 

 

 

ESENZIONE TASI PER ABITAZIONE PRINCIPALE

 

Viene introdotta l’esenzione TASI per l’abitazione principale, come definita ai sensi dell’Imposta Municipale propria di cui all’art. 13 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, con esclusione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (art. 1 c. 14).

 

IMU TERRENI AGRICOLI

 

L'esenzione dell'IMU per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola (art. 1 c. 10);

 

IMU-TASI  IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO

 

Viene ridotta al 50% la base imponibile IMU e TASI per le unità immobiliari e relative pertinenze individuate nel contratto, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado (solo tra figli e genitori), che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che:

 

·         Il contratto di comodato deve essere regolarmente registrato presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;

·         sia utilizzata dal comodatario come abitazione principale, (quindi residente e dimorante nell’immobile);

·         Il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato. Il beneficio si applica anche nel caso in cui  il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

·         Venga presentata apposita dichiarazione IMU (modello ministeriale), per attestare i requisiti e  beneficiare della riduzione, nei termini di scadenza previsti dalla normativa di riferimento (art. 1 c. 10);

 

IMU-TASI MMOBILI LOCATI A CANONE CONCORDATO

 

Per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, i tributi IMU e TASI, determinati applicando l’aliquota stabilita dal Comune, sono ridotti al 75% (art. 1 c. 53 e 54); 


 

TASI – DETENTORE 


Nel caso in cui l’unità immobiliare sia detenuta da soggetto diverso dal titolare del diritto reale sull’immobile che la destina ad abitazione principale, escluse le abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, il detentore è esente (es: inquilino/affittuario, comodatario) mentre il possessore versa la TASI nella percentuale stabilita dal Comune nel regolamento  relativo all’anno 2015. Nel caso di mancata determinazione della predetta percentuale, la percentuale di versamento a carico del possessore è pari al 90% dell’ammontare complessivo del tributo (art. 1 c. 14);

  

Per l’anno 2016, infine, sono stati bloccati gli aumenti dei tributi locali rispetto all’anno 2015, con esclusione della Tassa sui Rifiuti (art. 1 c. 26).

 

 

 

 

CALCOLO IUC  2018

Il CALCOLO IUC,  disponibile a breve ,  nella sezione delle Imposte Comunali "IMU e TASI on line", permette di determinare l'importo da versare dell'IMU e/o della TASI,  di compilare, generare e stampare i modelli F24 per il pagamento delle rate previste con i nuovi codici tributo.

 

 

 

 

RAVVEDIMENTO OPEROSO

RAVVEDIMENTO OPEROSO  (Art. 16, let. f, D.Lgs 158/2015)

Il contribuente che, per vari motivi non ha potuto pagare le rate di acconto e saldo 2017 dell'IMU e della Tasi entro le scadenze stabilite, può sanare il ritardo o errore di pagamento delle imposte utilizzando il ravvedimento operoso nei termini stabiliti.

Il Ravvedimento operoso consente al contribuente di pagare l'imposta dovuta con una piccola sanzione, ridotta rispetto alla sanzione normale. A seconda del ritardo il contribuente potrà pagare sanzioni ridotte ed interessi sulla base del numero di giorni di ritardo.

Il ravvedimento operoso è disciplinato dall'Articolo 13 del decreto legislativo 472/97.

Sono entrate in vigore delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016, art. 16, let. f, D.lgs 158/2015.

Dal 1° gennaio 2016 questo strumento diventa ancora più conveniente, nel dettaglio l'importo omesso va versato applicando le seguenti sanzioni:

0,1% giornaliero se si paga entro 14 giorni;

1,5% se si paga tra il 15° ed il 30° giorno;

1,67% se si paga entro il 90° giorno;

3,75% se si paga entro 1 anno.


INTERESSI

Ovviamente, oltre all'imposta e alle sanzioni dovranno essere versati anche gli interessi di mora che maturano per ogni giorno intercorso dall'omissione fino al ravvedimento, applicati esclusivamente all'importo dovuto a titolo di imposta e non alle sanzioni. Gli interessi devono essere calcolati al tasso di interesse legale, sulla base dei tassi in vigore nei singoli periodi di imposta.

2018: 0,3% annuo (Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 13 dicembre 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 292 del 15 dicembre 2017)

2017: 0,1% annuo (Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze 7 dicembre 2016, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 291 del 14 dicembre 2016)

 

In caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi vanno versati sommandoli all'imposta e quindi con lo stesso codice tributo.

 

 

 

 

SPORTELLO ASSISTENZA TRIBUTARIA 2018

 

Sarà riattivato a partire dal 22 maggio  fino al 18 giugno prossimo lo "Sportello assistenza tributaria 2018" organizzato dal Settore Tributi Accertamento Riscossione per il calcolo e la consegna dei modelli F24 relativi alle imposte IMU e TASI su appuntamento.

Il cittadino deve prenotare l'appuntamento a partire dal  2 maggio con le seguenti modalità: 

- presso l'Ufficio Tributi (sede ubicata dietro il Municipio, al 2° piano in Via Pisacane, 3)  nei seguenti orari:

  • Lunedì e Giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00;
  • Giovedì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00. 

- o telefonando ai seguenti numeri:  041-5071161-5071308-5071146.

 

Il cittadino prenota l'appuntamento per il rilascio del modello F24 IMU e/o TASI e ogni contribuente può richiedere il conteggio per sè e per 1 altro soggetto passivo per un massimo di 4 unità immobiliari per persona. Non si darà luogo ad alcun conteggio per un numero superiore di soggetti passivi e/o unità immobiliari. E' sempre possibile chiedere risposta a quesiti inerenti a l'IMU e la TASI anche ai CAAF autorizzati, ai dottori commercialisti;

Si ricorda che, per la consegna di compilazione del modello F24 di terze persone, il delegato dovrà munirsi di delega (disponibile/ scaricabile  in questa pagina alla vostra destra "Approfondimenti 2018") allegando fotocopia della carta d'identità del delegante, al momento del ritiro.